STEVE E ALE, 147INK

“Qui niente selfie e social, solo tatuaggi.”

Tornati dalle vacanze siamo pronti a portarvi al civico 147 di viale Monza (Mi), dove si trova un piccolo studio che fa proprio al caso nostro, uno di quelli che ci piacciono tanto. Ovviamente è il 147 Ink, non vi potete sbagliare.

img-20161029-wa0000

Alessandro

Ad accoglierci troviamo Stefano Del Carro e Alessandro Cantagallo, che collaborano ormai da due anni in un clima molto amichevole, ma non fatevi trarre in inganno: questi ragazzi hanno le palle.

Il percorso che li ha portati fin qui è un po’ atipico rispetto a quello che siete abituati a leggere nelle nostre interviste. Entrambi non vantano apprendistati in studi blasonati e sono cresciuti professionalmente in un ambiente più underground.

Andiamo con ordine: Stefano, nonostante abbia fatto per gran parte della sua vita l’operaio metalmeccanico, dopo i trent’anni si è appassionato a questo mondo. All’età di 38 anni ha avuto l’occasione di svoltare: ha iniziato con un apprendistato e ha poi aperto in collaborazione con amici il 147 Ink, che ha rilevato dopo un paio di anni.

14872458_10209355534319576_1570756061_n

Steve

 

Ora insieme a lui lavora Alessandro che tatua in modo professionale da due anni, ma che ha alle spalle un lungo percorso di crescita. La sua gavetta è durata una decina d’anni ed è orgoglioso di definirsi un autodidatta:

“Uno zio mi procurò la mia prima macchinetta circa 10 anni fa. Tatuavo me stesso e gli amici e nel frattempo facevo altri lavori. La scelta di diventare tatuatore è stata ponderata, e anche se è da poco che lavoro a livello professionale,la mia passione per il tatuaggio è iniziata quando ero ancora un ragazzino. Purtroppo però ho iniziato a lavorare in studio nel periodo peggiore: la moda ha snaturato un po’ questo mondo.”

 

Si perché Stefano e Alessandro hanno una visione “vecchia scuola” di questa professione e, come sapete voi che ci seguite, anche noi di Traditional tattoo It la pensiamo allo stesso modo.

img-20161029-wa0001

Alessandro

“Quello che mi piace di questo stile sono la potenza e l’efficacia. Il tatuaggio Tradizionale occidentale fa parte della nostra cultura e, rispetto ad altri stili, è quello che più mi rappresenta. Facciamo parte di qualcosa che è nato molto prima di noi e continuerà anche dopo.” Ci dice Alessandro.

Stefano aggiunge: “Mi piace l’idea di perpetrare una tradizione e di agire secondo un’etica precisa.”

Infatti abbiamo notato subito che entrambi hanno un aspetto piuttosto pulito: mani, collo e faccia sono privi di tatuaggi. Quando gli domandiamo cosa ne pensano della moda di tatuarsi prima questi punti rispetto ad altri, storcono il naso.

“é una questione di buon senso, dice Stefano. Pensiamo che ci siano degli step da seguire e anche che la prudenza da parte del tatuatore sia importante. Quando tatuo ho una responsabilità nei confronti del cliente e della professione.

Continua Alessandro: “sono tatuaggi che ti devi guadagnare, e per un tatuatore sono traguardi che raggiungi col tempo. Il problema è che in Italia manca questa cultura: tatuarsi è spesso una moda priva di essenza. Per esempio in America o in Inghilterra, quando un cliente entra in studio, è molto facile che scelga al momento un flash tra le tavole che trova alle pareti, perché è consapevole di quello che vuole. C’è più fiducia nel tatuatore e più preparazione culturale. Qui al contrario è difficile educare la gente, perché spesso se non fai quello che si aspettano escono dallo studio e trovano qualcun altro con meno scrupoli.”

14877168_10209355534279575_1976363745_n

Steve

“In parte è anche colpa nostra, ribatte Stefano, quando un cliente entra in studio è nostra responsabilità indirizzarlo. Io cerco sempre di mostrargli tavole e riferimenti che possono aiutarlo a scegliere un tatuaggio più consapevole. Qualche volta qualcuno capisce e cede. Fondamentale poi è la crescita da parte nostra, mi rendo conto che da quando studio la storia e i grandi classici, ho fatto un netto salto qualitativo, ho acquisito consapevolezza riguardo i soggetti e più sicurezza nell’interpretarli.”

Come sempre ci ricordano che la ricerca e il confronto con altre realtà sono il miglior modo di evolversi e allo stesso tempo mantenere la tradizione.

 

A questo proposito Stefano ci confessa:

“Lavorare con Alessandro mi ha migliorato perché l’interazione tra di noi mi stimola costantemente. Anche l’autocritica aiuta moltissimo: personalmente sono sempre contento del mio lavoro perché mi piace, ma non sono mai del tutto soddisfatto. Passo molto tempo a rivedere i miei lavori per capire dove posso migliorare. Io faccio tatuaggi, non mi sento affatto un artista ma piuttosto un artigiano, e faccio fatica ad apprezzare un tatuatore che antepone l’autocelebrazione ad argomenti concreti. ”

img-20161028-wa0001

Alessandro

Anche Alessandro si trova d’accordo: “io penso ai tatuaggi tutto il giorno, è uno status mentale dal quale non riesco a staccarmi. Se per qualche giorno non faccio una tavola ne sento subito la mancanza. Faccio tanta ricerca e mi piace sperimentare. Penso che il massimo per un tatuatore sia riuscire ad essere riconoscibile: arrivare al punto in cui qualcuno guardando un tatuaggio per strada riesca a capire che è tuo.”

A proposito di tavole: lo studio ne è pieno. Il logo è decisamente visibile già se siete dall’altro lato della strada e, se avete studiato un po’, non potete fare a meno di riconoscere i maestri di questo genere, i cui lavori stanno ordinatamente incorniciati sulle pareti rosse.

Aprire nel posto giusto può fare la differenza, riuscire a inserirsi in un contesto territoriale diventando il riferimento di zona non è semplice. Questi ragazzi ce la stanno mettendo tutta per far sì che questo succeda cercando di soddisfare le richieste dei clienti, e allo stesso tempo provando ad ampliare la conoscenza popolare di questo genere spesso sottovalutato.

14826221_10209355534399578_872559170_n

Steve

Durante la nostra visita abbiamo trovato un ambiente rilassato e accogliente, parlare di tatuaggi con Stefano e Alessandro è stato veramente piacevole ed è uno studio che ci sentiamo di consigliarvi. Sia che ne sappiate già o che siate alle prime armi riguardo al tatuaggio tradizionale, qui al 147ink potete trovare qualcuno con cui parlarne.

Da parte nostra qui da viale Monza è tutto per oggi, ma noi non ci fermiamo certo qui, continuate a seguirci per scoprire la nostra prossima tappa e fateci sapere cosa ne pensate di questo studio a due passi da Loreto!

 

Un saluto da tutto lo staff di Traditional Tattoo It

 

INFO

147ink:  Viale Monza 147, Milano

Tel:  02 8723 6169

pagina fb studio

Alessandro Cantagallo instagram

Stefano del Carro instagram

 

TD_728x90

 

Copyright Traditional Tattoo It

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

DI SANTI, DI MARINAI E DI PUTTANE

“Non farete delle incisioni sulla vostra carne a causa d’un morto; e non farete figure e segni sopra di voi”. Levitico 19.28, Antico Testamento

La storia del tatuaggio è una faccenda antichissima e delicata, dove la superstizione, le tradizioni, le credenze e la disinformazione l’hanno visto passare nel corso dei secoli da pratica rituale e simbolo di appartenenza sociale a marchio per delinquenti e gentaglia di basso fondo.

Perché tutto questo? Che cosa ha spostato l’ago della bilancia?

tattoo hawaiian

I primi reperti relativi all’arte del tatuaggio si trovano già in mummie del 500 A.C, dove i corpi ritrovati sono chiaramente ricoperti da tatuaggi, si presume di natura terapeutica e sciamanica. Vi sono poi testimonianze nell’antico Egitto, in Grecia e nell’antica Roma, dove per esempio i centurioni si tatuavano il nome dell’Imperatore o del generale per il quale combattevano.

In alcune società tradizionali orientali, dell’Oceania e del Sud Est Asiatico quest’arte è sempre rimasta intatta nel corso della storia, basti pensare ai tribali polinesiani o ai più conosciuti Maori, dove linee e simboli sono densi di significati sociali e spirituali. Non a caso infatti tatuarsi motivi proibiti è considerato un sacrilegio!

Nella società occidentale si hanno testimonianze di persone tatuate già dai Celti e dai Britanni, dove i nobili avevano tatuato lo stemma della propria casata in modo da poter essere riconosciuti in caso di morte in battaglia.

La chiesa ha avuto poi un ruolo importante nella diffusione o no del tatuaggio in epoca antica: i primi cristiani infatti si tatuavano il “tau”, la croce stilizzata di Cristo, sulla fronte, pratica poi abolita da Costantino nel 325. Nonostante questo la tradizione non si è estinta e durante le crociate moltissimi cavalieri avevano tatuato un simbolo che rappresentasse la propria religione, in quanto non vi era sepoltura per i morti in battaglia che non recassero alcun riferimento al proprio credo.

Si racconta che Sant’Antonio avesse un “tau” tatuato sul petto.

E’ nel 787 che tatuarsi diventa proibito per il buon cristiano, Papa Adriano I infatti emana una bolla dove vieta qualsiasi pratica che deturpi il corpo.

sailor 22222222Sembra finita per i tatuaggi in Europa, ma essi riappaiono invece verso la fine del ‘700 grazie ai viaggi del capitano Cook, che riporta nelle terre europee testimonianze di indigeni tatuati e anche qualcuno di loro come schiavo. Anche la parola TATTOO si dice sia stata coniata dallo stesso Cook, che si presume l’abbia inventata a partire dal polinesiano “Tatau”.

Ecco allora che sono i marinai a salvare il tatuaggio e a riportarlo nel vecchio continente, prima esibendo tatuaggi tradizionali indigeni, farciti con rocambolesche storie di come essi siano stati catturati e sottoposti a questa pratica ancestrale, poi sviluppando i soggetti che sono divenuti i classici del tatuaggio traditional occidentale.
E allora rondini, velieri, ancore, fari e tutta la simbologia tipica della cultura marinara si trasferisce sulla pelle di questi lupi di mare, in molti porti iniziano a comparire le prime botteghe di tatuaggi, e tutta la sottocultura della gente che vive a contatto con questa realtà marinara ne rimane attratta.
pig rooster

Se avete presente i disegni di Sailor Jerry vi ricorderete di un flash con pollo e maiale: venivano tatuati dai marinai sui piedi come portafortuna in caso di affondamento. Infatti le casse con gli animali destinati all’approvigionamento erano sempre le prime a rimanere a galla in caso di naufragio.

Gli uomini e le donne iniziano così ad avere corpi sempre più tatuati e non passa molto tempo prima che i circensi fiutino l’affare!
Agli inizi del ‘900, oltre all’uomo cannone ed alla donna barbuta, si iniziano a vedere negli spettacoli “l’uomo e la donna più tatuati del mondo”, con imbonitori pronti a mostrare questi corpi dipinti ai curiosi venuti apposta per assistere a questi spettacoli.

0040-sailors-tattoo-web

…Si ok i santi, ok i marinai, ma le “puttane” in tutto questo dove sono, direte voi che leggete…

Ci viene in “aiuto” Cesare Lombroso (1835-1909) medico, antropologo, criminologo e giurista italiano, considerato pioniere e “padre” della moderna criminologia. Nel suo saggio “l’uomo Delinquente” Lomboso mette in strettissima collaborazione il tatuaggio con l’indole innata ad avere una “morale deviata” del delinquente. Ecco allora che l’uomo tatuato viene considerato un criminale e la donna una prostituta.
In seguito alla diffusione di questo saggio in Italia il tatuaggio viene ancora di più stigmatizzato e ghettizzato, ed è per questo motivo che è fino ai primi anni del 1970 che non esistono botteghe in strada di tatuatori, la pratica rimane nascosta e clandestina.
La rivoluzione culturale, le prime gang di motociclisti e la cultura Hippy aiutano a far uscire di nuovo allo scoperto il tattoo in Italia e si iniziano ad avere i primi tattoo shop.
Da qui in poi il tatuaggio ricomincia a diffondersi tra i giovani italiani, fino agli ultimi 15-20 anni dove si iniza a vedere il “boom”, in cui sempre più persone mostrano alla società il proprio “marchio”.

Ora questa è solo un’infarinatura su come il tatuaggio è passato di epoca in epoca, un sacco di aspetti sono da approfondire e secondo noi ne vale la pena, speriamo dia avervi incuriosito e avvicinato un po’ di più a questo mondo, che va ben oltre il “oh zio fammi un’infinito o una piuma”

Cercheremo con i prossimi articoli di sviluppare alcune delle tematiche che qui abbiamo giusto sfiorato, diteci cosa ne pensate!
Come sempre ci trovate sia qui che su facebook, per qualsiasi curiosità o richiesta!

Al prossimo articolo!
un saluto dallo staff di Traditional Tattoo It

TD_728x90

FLORENCE TATTOO CONVENTION 2013

florence

“Ready, set, Go! Traditional Tattoo It è di nuovo in viaggio e questo week end si è fermata a Firenze, per la sesta edizione della Florence Tattoo Convention.”

Presenti quindi alla Fortezza del Basso, location di questa convention, insieme a migliaia di appassionati che hanno affollato gli stand durante tutta la durata della manifestazione.

Una location la Fortezza che a nostro parere si è rivelata perfetta per un appuntamento di questo genere: gli spazi espositivi sono stati gestiti in maniera intelligente e i “corridoi” tra i vari stand erano abbastanza larghi da permettere a tutti di girare per la manifestazione senza resse e incazzature. Se sieste stati alle convention di Roma o Milano avrete presente gli imbuti e la calca che si genera in certe situazioni.

Mirek Vel Stotker

Mirek Vel Stotker

Qui invece ogni tatuatore aveva il suo stand ben organizzato, con l’area merchandise separata e un spazio apposta per la Stage Area, che ha visto protagonisti spettacoli di burlesque, performance di danza, dj set e live music.

Un’ altra area è stata allestita apposta per le opere dei vari artisti, e a noi di Traditional Tattoo It ci è piaciuta soprattutto la mostra “By all Means Necessary”, dove i tatuatori hanno presentato delle tavole ispirate alle cover di alcuni degli album più famosi della storia del rock.

Ora però entriamo nel vivo e vediamo chi c’era a questa edizione della Florence Tattoo Convention.

Praticamente era presente tutta l’Italia, rappresentata da nord a sud: gli studi del milanese, i tatuatori della scuola genovese, ovviamente gli studi toscani, gli artisti della capitale, i ragazzi del salernitano e le isole, capeggiate dai tatuatori dalla scuola sarda.

Dall’estero c’erano ospiti da Brasile, Spagna, Stati Uniti, Danimarca, Inghilterra e Olanda, rappresentata dallo storico Tattoo Peter di Amsterdam, in attività dal 1955, capitanato alla convention da Bill Loika!

Lupo HoriOkami

Lupo HoriOkami

Per gli amanti del giapponese Lupo HoriOkami, del Mushin Tattoo Studio, era presente in pedana.

C’erano poi i “vip”, i ragazzi che in questo momento godono di una maggiore visibilità. Ecco allora la formazione del Milano City Ink, Luca Natalini con il suo nuovo studio, Andrea Lanzi e Samuele Briganti, che ha presentato in convention il suo libro “Il Segno Della Passione”, una raccolta di tavole realizzate da più di 70 tatuatori dedicate a Maurizio Fiorini.

Anche in questa edizione erano presenti tutti gli stili del tatuaggio, traditional, new school, realistico, giapponese e tribale, ognuno con i maestri dello stile.

Noi che parliamo di traditional abbiamo avuto nuovamente la conferma che questo filone sta riprendendo sempre più piede in Italia, e che il livello artistico dei vari tatuatori della penisola è sempre altissimo.

Girare tra gli stand e riconoscere già dallo stile delle tavole esposte l’artista o lo studio dimostra come nonostante i soggetti siano i classici della cultura occidentale e marinara, i tatuatori sono in grado di dare la loro personale interpretazione senza perdere le linee guida che rendono questo stile così riconoscibile.

Quindi pugnali, pin up, serpenti, teschi, velieri, fari, aquile, rose, erano tutti presenti a questa convention, sugli sketch e sulla pelle degli appassionati che si aggiravano alla manifestazione.

Bill Loika

Bill Loika

I ragazzi del Led Tattoo e del Ladies & Gents Tattoo Parlour, che abbiamo già intervistato sulle nostre pagine, hanno partecipato a questa edizione, condividendo questa esperienza insieme a tatuatori che a noi piacciono molto, come Stizzo, del Best of Times tattoo studio, Miss Juliet, Francesco Garbugino dell’Ink’N roll Tattoo, Tofino, Linda Iacono dei Trafficanti D’Arte, Davide Pitteri dello Skingdom e Lollo, dell’ Amanda Toy Tattoo Parlour.

Ancora una volta siamo rimasti colpiti dall’atmosfera che si respira ad una tattoo convention, vedere insieme appassionati, neofiti e persone semplicemente curiose girare per gli stand, tutti col sorriso stampato in faccia, occupati a passare una bella giornata a stretto contatto con questo mondo fa piacere.
Anche il rumore era quello giusto: appena si entra il ronzio delle macchinette vi avvolge,e se avete già dei tatuaggi quel suono un piccolo formicolio siamo sicuri che ve lo strappa!

In conclusione noi di Traditional Tattoo It siamo convinti che piano piano il tatuaggio verrà considerato come un arte vera e propria qui in Italia e che la sua diffusione sempre maggiore porti anche ad un interesse e ad un’informazione migliore.

Sfortunatamente siamo giunti al termine del nostro resoconto. Speriamo che nel nostro piccolo siamo riusciti a trasmettervi un po’ di curiosità, con i nostri articoli e le nostre interviste, e di vedervi numerosi alle prossime convention in giro per l’Italia e , perché no, in giro per l’Europa.

Noi sicuramente faremo in modo di esserci e di raccontarvele!

Al prossimo articolo!
Un saluto dallo staff di Traditional Tattoo it

TD_728x90