AMANDA, LOLLO , RUST : AMANDA TOY TATTOO PARLOUR

“Il tatuaggio non e’ essere una superstar, e’ artigianato”

PHOTO_20140326_184405

Eccoci nuovamente in giro per studi, pronti ad un’altra chiaccherata a tu per tu, questa volta con i ragazzi dell’ Amanda Toy Tattoo Parlour!

Amanda Toy e’ la proprietaria dello shop, e insieme a Lollo Red e Lorenzo”Rust” Garattini gestisce studio e clienti. Studio che ricalca fedelmente lo stile surreale e bizzarro di Amanda: tra dinosauri, caramelle e buffi personaggi in giro per il negozio capirete subito che tipo di tatuaggio andrete a farvi!
Insieme alla tavole di Amanda ci sono anche quelle di Lollo, e anche qui non potete sbagliarvi, e’ Traditional!!

Anche questa volta riusciamo a parlare con i ragazzi mentre sono al lavoro, e iniziamo la nostra intervista con Amanda, che ci racconta come e’ entrata in questo mondo:

amanda toy tattoo 2

Amanda Toy

“Ho inizato nel 1996 , e mi sono avvicinata al tatuaggio tramite amici: mi ricordo che ero ad una convention a Bologna e mi si e’ aperto un mondo, non ho avuto alcun dubbio che quella fosse la mia professione!
Mi ha attirato piu’ di tutte l’idea di poter fare qualcosa di creativo, anche se per certi versi e’ un paradosso: in questo mondo ci sono molte regole non scritte da rispettare e devi trovare il giusto compromesso tra un bel disegno ed un tatuaggio efficace, che rimanga inalterato nel tempo.”

Andando avanti con l’intervista Amanda ci spiega come vede lei il tatuaggio e su come e’ arrivata allo stile che la contraddistingue oggi:

“Prima di tutto sono convinta che Volere e’ Potere, se vuoi una cosa e ti impegni, riesci ad ottenerla. Trasportandola nel mondo del tattoo ho sempre cercato di raggiungere gli obbiettivi che mi ponevo, evitando di sedermi sugli allori e mettendomi sempre in discussione. Se ti senti arrivato la gente ti cammina davanti, e perdi il treno. Bisogna saper riconoscere i propri limiti, migliorare le lacune e apprendere.”

Continua poi:

amanda toy tattoo

Amanda Toy

“il tattoo e’ sensibilita’ artistica, bisogna capire come trasportare un’idea sulla pelle e renderla efficace, senza caricare troppo, ma con quelle 3-4 cose che colpiscono gia’ da subito. Per questo mi e’ piaciuto da subito il tatuaggio tradizionale. La sua forza sta nell’impatto visivo, poi a me piace anche la potenza del nero, quindi mi e’ venuto naturale evolvermi in questo ambito. Con il tempo ho sviluppato sia le linee che i colori, arrivando a fare quello che sentivo piu’ mio.”

 

Mentre stiamo chiaccherando Amanda finisce il tattoo sulla sua cliente, e Rust, che e’ l’apprendista, si accinge a pulire la postazione e a sistemare l’attrezzatura. Ne approfittiamo per fare un paio di domande anche a lui, soprattutto per quello che riguarda l’apprendistato e su come e’ approdato da Amanda:

lorenzo "RUST" Carattini

lorenzo “RUST” Garattini

“In realta’ all’inizio il tatuaggio non mi interessava neanche, sono cresciuto nel periodo del tribal anni 90 e sapevo poco di questo mondo. Finito il liceo artistico mi sono avvicinato alla pittura su tela ed a olio. Ho conosciuto poi Pinto, che tatuava in Sardegna, che mi ha fatto vedere lo studio e spiegato le diverse scuole di tatuaggio, allora da li ho pensato subito : Ah che figo! Questi sono pittori che fanno opera d’arte sulla pelle! Da li ho iniziato il mio percorso, girando con le mie tavole per vari studi, e sono approdato qui da Amanda.”

 

Amanda interviene e ci spiega che:

“Rust mi e’ piaciuto a pelle sin da subito, anche se all’epoca avevo gia’ un’altra ragazza come apprendista. Ci ho parlato e mi ha lasciato il suo cd con su tutte le tavole. Una cosa tira l’altra e quando la ragazza che stava con me ha mollato, ho ripescato il suo cd, che stava li a fissarmi sulla scrivania, con la sua copertina, e l’ho richiamato. Il giorno dopo ha iniziato ed ora e’ qui con me ad imparare!”

Lorenzo "RUST" Carattini

Lorenzo “RUST” Garattini

Ora quindi Rust sta facendo l’apprendistato classico, la gavetta, che personalmente a noi di Traditional Tattoo piace molto come approccio: si disegna, si guarda il “maestro”, si prende confidenza con la tecnica e le attrezzature.
Secondo noi in questo modo si capisce anche se l’apprendista e’ realmente motivato e ha passione. Infatti ci racconta:

“Ora come ora mi butto sui flash, imparo le linee, le sfumature, le basi. Purificare e sintetizzare il disegno in modo che si adatti al tatuaggio non e’ semplice, ed attulmente non prediligo uno stile particolare, me ne piacciono diversi. Ovviamente a questo punto passo dalle “tamarrate” e dal tatuaggio commerciale, anche se ora sto finendo una serie di tattoo e sto spingendo su questi.”

L’ultimo a passare sotto “interrogatorio” e’ Lollo Red, anche lui alle prese con un pezzo su un cliente:

“Come ho iniziato? Tra virgolette per gioco: un’amico mi ha regalato una macchinetta e mi sono interessato a come si usasse, al montaggio e tutto  quanto. Ho marchiato chili di frutta e una sera ho fatto il mio primo tattoo ad una tipa. Da li li ho fatti poi su di me, su amici ed ho capito che era veramente una passione.”

Da qui Lollo ci racconta come ha imparato e come alla fine e’ arrivato all’Amanda Toy Tattoo Parlour:

Lollo Red

Lollo Red

“Mi ricordo che ho fatto una rosa da Marco Leoni a Bologna, e sono rimasto subito attirato dall’impatto del tatuaggio. Sono stato autodidatta anche nel disegno, quindi non avevo uno stile gia’ mio, ho imparato come conseguenza del voler tatuare, e per un’anno e mezzo mi sono allenato a casa nel disegno. Da li ho iniziato  girare vari studi di periferia, che mi spiegavano le basi. Ho fatto poi un altro anno e mezzo come apprendista all’officina tattoo.”

Continua Lollo:

“un paio di anni fa’ mi ha contattato Amanda, e all’inizio ho declinato l’offerta, poi mi sono reso conto che era tempo di inizare a fare le cose per conto mio ed ho accettato,da settembre sono qui allo studio.”

Sullo stile di Lollo possono esserci pochi dubbi: solido e tradizionale!

“Sono fortunato perche’ in molti gia’ conoscono il mio stile e vengono apposta da me per farsi tatuare i miei soggetti, anche se il commerciale e’ una parte importnte del lavoro, ed e’ anche il mio ruolo all’interno dello studio.

Lollo Red

Lollo Red

Mi piace molto poi la scuola Americana, i tatuaggi di Mike Wilson, e il viaggio piu’importante che faro’ sara’ sicuramente in America, che e’ la patria del tradizionale.
Gia’ da quest’anno sono piu’ libero e ho intenzione di fare piu’ convention possibile, oltre a varie ospitate: collaboro con Adrenaline di Follonica, Highscore tattoo di Bolzano e Domenico Marini a Roma. Continuo a crescere e spero tra un  paio di anni di riuscire a fare qualche ospitata  negli States e che qualcuno noti i miei lavori.”

Verso la fine dell’intervista chiediamo ai ragazzi cosa ne pensano di com’e’ il tatuaggio oggi e di come si e’ evoluto in questi ultimi tempi:

“Come per altre cose ora nel tattoo c’e’ stato il boom, e io sono un po’ figlio di questo (Lollo),ma tra tutti gli studi in giro per il paese e’ normale che ci sara’ una sorta di selezione naturale tra chi fa’ questo lavoro per vera passione e chi lo fa’ semplicemente per moda.
Il tatuaggio e’ una forma di artigianato e segue delle regole ben precise.
Anche il mondo dei social puo’ essere un’arma a doppio taglio: grazie a facebook e Instagram i tatuatori hanno la possibilita’ di condividere i propri lavori e di farsi notare da piu’ gente possibile.Va detto pero’ che c’e’ chi ha lavorato anni per raggiungere un certo stile e maturita’ nel tatuaggio, mentre ci sono altri che sono novellini e si mettono sullo stesso piano grazie a internet. Il consiglio quindi e’ quello di tatuare per passione, non per raggiungere uno status o la notorieta’, perche’ solo cosi si avranno dei lavori che vogliono dire veramente qualcosa!”

Noi di Traditional Tattoo siamo d’accordo con questa visione e vi consigliamo sempre di decidere bene da chi farvi tatuare e cosa fare, in modo da evere qualcosa di cui siate soddisfatti e che non vi stanchi dopo 2 mesi!

Detto questo siamo arrivati ancora una volta alla fine della nostra chiaccherata e dobbiamo salutare I ragazzi dell’ Amanda Toy Tattoo Parlour, lasciandoli ai loro clienti!

Passate dallo studio e parlate con i ragazzi, fatevi consigliare e mentre siete sotto alla macchinetta fatevi raccontare un po’ come se la vivono allo studio, ne vale la pena. Sulla passione che ci mettono non c’e’ discussione, ed  lavori alla fine la riflettono in toto!

Noi ci sentiamo come sempre sulle nostre pagine per qualsiasi comment, informazione, critica!

Al prossimo articolo!
Un saluto dallo staff di Traditional Tattoo It

 

INFO

AMANDA TOY TATTOO PARLOUR

Milano Via Rasori 8

info@amandatoy.it

http://www.amandatoy.it

Telefono: 02 99202744

FACEBOOK

Amanda Toy      Lollo Red       Lorenzo “Rust” Garattini

TD_728x90

 

Copyright Traditional Tattoo It

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...